REATI PENALI

Sei stato denunciato o querelato? Sei accusato di aver agito illecitamente e rischi di dover subire un processo penale?

La nostra mission legale, consiste nell’affiancare il Cliente in ogni sua problematica attraverso una consulenza legale penale a 360° ed una strategia che ponga sempre in primo piano le sue necessità!

Noi, i tuoi avvocati di fiducia, saremo al tuo fianco, e ti spiegheremo passo per passo cosa dovrai fare per risolvere i tuoi problemi!

Chiamaci per avere informazioni

+39 025450823 o +39 025453314

Oppure se vuoi approfondire continua a leggere!

COSE DA FARE

Come sapere se si è stati denunciati/querelati?

L’unico modo per conoscere se nei confronti è stato aperto un procedimento penale è quello di presentare presso la procura territorialmente competente un’istanza ex art. 335 c.p.p. a seguito della quale l’Ufficio indicherà i procedimenti penale aperti nei confronti del richiedente e che siano “conoscibili” ovvero non coperti dal necessario segreto istruttorio.

Cosa succede quando si viene denunciati?

Nell’ipotesi in cui una persona ci abbia denunciato ed i fatti non siano cosi gravi da aver indotto a disporre misure cautelari, queste sono le fasi di massima che potranno seguire:

a) Identificazione
b) Interrogatorio

Solo in seguito si potrà sfociare da parte del Pm procedente in una:

c) Archiviazione
o
d) Richiesta di rinvio a giudizio al Giudice delle Indagini Preliminari.

Cosa fare quando la polizia suona al campanello?

Se gli inquirenti credono di poter trovare dei mezzi di prova che sono importanti per un procedimento d’inquisizione, allora essi sono autorizzati a perquisire l’abitazione, l’ufficio, oppure anche l’ automobile senza possibilità di opporsi alla stessa.

Quindi è opportuno:

  • informare immediatamente il proprio difensore;
  • mantenere la calma! Sopportare la perquisizione possibilmente in maniera passiva;
  • non rendere difficile il lavoro ai Pubblici Ufficiali;
  • non esiste nessun pericolo immediato;
  • non fare alcuna dichiarazione sull’accusa di reato;
  • farsi dare il nome del capo dell’operazione e farsi mostrare la tessera di servizio;
  • prima dell’inizio della perquisizione farsi mostrare un esemplare o copia del mandato di perquisizione da parte del Giudice;
  • tentare di fare in modo che sia presente una persona di fiducia come testimone della perquisizione;
  • tentare di fare in modo di potere fare delle fotocopie dei documenti che devono essere sequestrati o che vengono date delle fotocopie di essi;
  • se i documenti o altri mezzi di prova sono stati messi al sicuro oppure sequestrati, lasciarsi dare un protocollo in cui è descritto il mezzo di prova portato via dall’autorità inquirente;
  • opporsi ad un eventuale sequestro! Solo in tal caso sarà il Giudice a decidere riguardo al sequestro;
  • in caso di dubbio non sottoscrivere nulla.

Che cosa fare quando la polizia pone una persona in stato di fermo oppure di arresto?

Di arresto si parla quando è già stato presentato un mandato di arresto. In caso differente si parla di stato di fermo.

La polizia può mettere in stato di fermo se il pubblico Ufficiale è dell’opinione che un individuo sia fortemente sospettato/a del reato.

Motivi dell’arresto sono:

  1. il pericolo di fuga;
  2. pericolo di collusione;
  3. pericolo di distruzione delle prove;
  4. pericolo di recidività.

In questi casi è auspicabile:

  • mantenere la calma;
  • informare immediatamente il proprio difensore;
  • non dire niente riguardo ai fatti o circostanze.

COMPETENZA del DIPARTIMENTO

REATI CONTRO LA PERSONA E IL PATRIMONIO

Consulenza e Assistenza in Giudizio (per difesa indagato/imputato o persona offesa/parte civile) per reati contro la persona e il patrimonio:

omicidio intenzionale, colposo, stradale, reati di criminalità organizzata, crimini informatici, femminicidio, lesioni aggravate, rapina, clonazione carte di credito, riciclaggio, ricettazione, furti aggravati, maltrattamenti in famiglia, diffamazione a mezzo stampa o a mezzo internet.

REATI PER STUPEFACENTI

per i reati di coltivazione, produzione, spaccio, traffico di sostanze stupefacenti, associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

REATI CONTRO LE DONNE

violenza sessuale, abuso su minori, pedopornografia, induzione e sfruttamento della prostituzione, stalking.

REATI DI IMPRESA

Consulenza e Assistenza in Giudizio a persone fisiche o giuridiche per reati finanziari, bancari, societari, fallimentari, tributari che si possono verificare nello svolgimento di attività commerciali, industriali, ricorsi contro Equitalia, professionali o nei rapporti con la pubblica amministrazione.

REATI DEL LAVORO

Procedimenti penali per infortuni od omicidi colposi avvenuti sul luogo di lavoro.

AMBIENTE E SICUREZZA

Responsabilità amministrativa degli Enti redazione modelli organizzativi ex D.Lgs. 231/2001.

Assistenza in relazione ad ogni problematica connessa ad eventuali adempimenti o violazioni del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81.