Incidenti stradali chi può chiedere i danni

Incidenti stradali chi può chiedere i danni

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danniCerchiamo quindi di capire quali sono i soggetti che a seguito di incidente stradale possono agire in giudizio al fine di ottenere un congruo risarcimento dei danni patiti.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: la vittima

La prima persona che ovviamente può richiedere al giudice il risarcimento dei danni subiti è la vittima del sinistro stradale, ovvero il soggetto che in prima persona ha subito dei danni derivanti dall’incidente.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: i prossimi congiunti

Tuttavia quest’ultimo non è l’unico legittimato ad agire: sussistono infatti anche altri soggetti che in determinate situazione e sulla base di determinati presupposti posso rivolgersi al Tribunale al fine di ottenere un congruo risarcimento.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danni famigliariCi riferiamo in particolare ai prossimi congiunti del danneggiato, ovvero a quei soggetti che sono legati a quest’ultimo da rapporti di profonda vicinanza affettiva.

 

Pensiamo al caso in cui un incidente stradale determini la morte di una persona.

I primi a subire le conseguenze negative di tale evento saranno certamente i suoi cari, i quali, proprio in virtù dell’intervenuto decesso potranno richiedere ed ottenere tanto il risarcimento dei danni iure hereditas, quanto dei danni iure proprio.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: iure hereditas

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danni famigliariPer risarcimento dei danni iure hereditas si intende la possibilità dei prossimi congiunti di subentrare nel diritto al risarcimento dei danni patiti dal danneggiato in seguito al decesso di quest’ultimo.

In questo caso, si dovranno applicare le norme sulla successione, per cui i primi a subentrare nel diritto al risarcimento saranno il coniuge e i figli. In mancanza di questi subentreranno gli ulteriori congiunti della vittima, secondo l’ordine individuato negli artt. 565 ss. c.c. titolo II del Codice Civile (“Delle successioni legittime”)

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: iure proprio

Quando si parla invece di danni iure proprio si fa riferimento a tutti quei danni (quali sofferenze e patemi) che non si sono prodotti direttamente sulla vittima del sinistro, bensì sulla sfera giuridica di una serie di soggetti a lui vicini, cioè le cc.dd. vittime secondarie: non per nulla in questo caso si parla di “danni riflessi”.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: la Giurisprudenza

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danni famigliari Rispetto a tale ultima categoria di danni l’orientamento della giurisprudenza si è consolidato nel sostenere che il risarcimento dei danni iure proprio (in caso di decesso della vittima di sinistro stradale) spetti alla famiglia legittima, e quindi ai prossimi congiunti del soggetto deceduto (il coniuge, figli, genitori, fratelli e sorelle); ovvero ad altri parenti affini (nonni, nipoti, zii, cugini, etc.).

Inoltre la giurisprudenza è più recentemente giunta a riconosce il diritto al risarcimento del danno iure proprio anche al convivente more uxorio, ossia al convivente di fatto in assenza di un valido vincolo matrimoniale.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: legittimazione in capo ai parenti più prossimi

E’ ormai pacifico che il danno non patrimoniale per la morte di una persona cara (danno rientrante nella più ampia categoria dei danni iure proprio) possa essere domandato dai più stretti congiunti della vittima (coniuge, genitori, figli, fratelli).

Quando il risarcimento è domandato da queste categorie di persone, la giurisprudenza non esige alcun tipo di prova sull’esistenza del pregiudizio.

Il semplice fatto che sussista un così stretto legame di parentela è di per sé sufficiente a far presumere che la perdita di una persona così vicina possa aver per lo meno determinato una grande sofferenza per i prossimi congiunti, sofferenza che dovrà essere risarcita.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: la Cassazione

Si veda a proposito, tra le tante, Cass. Civ.,sez. III., 16 settembre 2008, n. 23725, nella quale si afferma che:

 

Il risarcimento iure proprio del danno subito in conseguenza dell’uccisione del de cuius è risarcibile quale danno arrecato all’intangibilità della sfera degli affetti e della reciproca solidarietà nell’ambito della famiglia e all’inviolabilità della libera e piena esplicazione delle attività realizzatrici della persona umana nell’ambito di quella peculiare formazione sociale costituita dalla famiglia”.

 

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danni famigliaIl danno in questione è stato altresì riconosciuto, sulla base della sola prova presuntiva, anche al fratello (o sorella) unilaterale.

Il risarcimento del danno non patrimoniale da morte è stato talvolta altresì accordato al coniuge separato.

Tuttavia in tale ultima ipotesi il giudice sarà chiamato ad effettuare una più attenta valutazione dovendo accertarsi ad esempio dei motivi del divorzio, della possibilità di una eventuale riconciliazione “e ogni altra utile circostanza idonea a manifestare se e in quale misura l’evento luttuoso, dovuto all’altrui fatto illecito, abbia procurato al coniuge superstite quelle sofferenze morali che di solito si accompagnano alla morte di una persona più o meno cara” (Cass. Civ., sez. III, 17-07-2002, n. 10393).

La giurisprudenza di merito si è inoltre mostrata favorevole a liquidare il danno morale da morte sulla base della sola prova presuntiva anche al nipote ex filio per la morte del nonno.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danni nonno nipoteSecondo questo orientamento, infatti, l’esistenza del danno in questione può desumersi sia da una nozione di fatto rientrante nella comune esperienza (art. 115, comma 2, c.p.c.), sia – ex art. 2727 c.c. – dalla circostanza, nota e studiata dalla moderna psicopedagogia, che la figura del nonno ha sempre rivestito un ruolo coessenziale nel corretto sviluppo psichico del nipote (così Trib. Roma 22.10.2005, de Siero c. Direct Line).

 

Ovviamente i soggetti appena elencati potranno altresì agire per ottenere il risarcimento degli eventuali danni patrimoniali patiti, per i quali non è però ammessa la prova presuntiva. Tali danni, devono infatti essere provati nel loro preciso ammontare.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: legittimazione in capo ai parenti affini

Incidenti stradali chi può chiedere i danni risarcimento danni avvocato diritto1La giurisprudenza ammette che il risarcimento del danno non patrimoniale per la morte di una persona cara possa essere domandato anche da altri parenti, da congiunti non stretti, anche se non conviventi, ma a condizione che dimostrino di essere legati allo scomparso da un intenso vincolo affettivo.

In particolare la legittimazione può esser loro riconosciuta soltanto se, oltre all’esistenza del rapporto di parentela o di affinità, concorrano ulteriori circostanze (da dimostrare) atte a far ritenere che la lesione della vita abbia comportato la perdita di un effettivo e valido sostegno morale ovvero una grave alterazione della normale esistenza.

 

Per questa categoria di persone non è quindi ammessa la prova presuntiva, né per quanto riguarda il risarcimento del danno patrimoniale né per quanto riguarda il risarcimento dei danni non patrimoniali: entrambi dovranno essere provati.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: legittimazione in capo al convivente “more uxorio”

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danni more uxorioPer quanto attiene alla risarcibilità dei danni da morte in favore del convivente “more uxorio” possiamo rilevare come in materia ci siano state diverse e discordanti pronunce. Con l’espressione “convivenza more uxorio” si fa riferimento alla situazione in cui viene a trovarsi una coppia di fatto, cioè una coppia caratterizzata da una stabile relazione affettiva e sentimentale ma non sposata. È indubbio che una persona affettivamente vicina alla vittima di un incidente stradale, come può esserlo il/la convivente di quest’ultima subisca una serie di conseguenze negative dalla perdita del compagno.

La giurisprudenza è conscia di questo e ha ormai pacificamente ammesso che il convivente di fatto possa adire il giudice al fine di richiedere il risarcimento dei danni patiti, a condizione che si dimostri l’esistenza di uno stabile e duraturo legame affettivo equiparabile al rapporto coniugale.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: la Cassazione

Si veda a questo proposito Cass. civ., sez III, 16 settembre 2008, n. 23725:

 

Da tempo questa Corte ha ammesso che il diritto al risarcimento da fatto illecito concretatosi in un evento mortale va riconosciuto (con riguardo sia al danno morale, sia a quello patrimoniale, che presuppone, peraltro, la prova di uno stabile contributo economico apportato, in vita, dal defunto al danneggiato) anche al convivente more uxorio del defunto stesso, quanto risulti concretamente dimostrata siffatta relazione caratterizzata da tendenziale stabilità e da muta assistenza morale e materiale”.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: i danni riflessi

È inoltre importante precisare che i c.d. “danni riflessi” sono dovuti sì in caso di decesso della vittima, ma non solo.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danni invaliditàI soggetti sopra elencati potranno agire ed ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali “iure proprio” anche laddove in conseguenza di un fatto illecito altrui e in particolare per effetto di un incidente stradale, il danneggiato abbia subito lesioni personali seriamente invalidanti. Abbia cioè subito dei danni che hanno determinato un sensibile e radicale cambiamento nelle condizioni e nelle abitudini di vita sia della vittima del sinistro che dei parenti a lui più vicini.

 

Incidenti stradali chi può chiedere i danni: la Cassazione

In questo senso si veda Cass. Civ., Sez III, del 21 marzo 2013, n. 7128, laddove afferma che:

 

“..è ormai acquisito il principio per il quale ai prossimi congiunti di una persona che abbia subito lesioni personali seriamente invalidanti,  a causa del fatto illecito altrui, spetta anche il risarcimento del danno morale concretamente accertato in relazione ad una particolare situazione affettiva con la vittima […]”.

 

Proprio con tale pronuncia la Corte di Cassazione ha ricordato come sia ormai acquisito il principio per il quale ai prossimi congiunti di persona che abbia subito lesioni personali seriamente invalidanti a causa del fatto illecito altrui spetti anche il risarcimento del danno morale concretamente accertato in relazione ad una particolare situazione affettiva con la vittima.

 

Incidenti stradali chi può chiedere i danni avvocato risarcimento danniPer quanto attiene più specificamente al convivente more uxorio, in tale caso, è ovvio che colui che rivendica il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale in conseguenza delle lesioni gravissime subite dalla persona a cui è legato da relazione affettiva, dovrà allegare e dimostrare non solo l’esistenza e la natura di tale rapporto, ma anche la sua stabilità, intesa come non occasionalità e continuità nel tempo.

Incidenti stradali chi può chiedere i danni

Se è quindi da escludere il riconoscimento del diritto al risarcimento in capo a colui che, non legato da alcun rapporto col danneggiato al momento della commissione dell’illecito, abbia solo in epoca successiva instaurato una relazione affettiva, non altrettanto può affermarsi quando si assuma che tale relazione esistesse già all’epoca del fatto illecito e che essa si sia mantenuta, ed anzi rafforzata, dopo la sua commissione, tanto da aver condotto al matrimonio ed alla formazione di una famiglia.

In tale ipotesi spetterà al giudice di merito accertare, nel caso concreto e sulla base degli elementi, anche presuntivi, addotti dalla parte, l’apprezzabilità di detta relazione ai fini risarcitori, anche tenuto conto della sua evoluzione.

 

 


Scarica Incidenti stradali chi può chiedere i danni in formato PDF